altadefinizione logo altadefinizione logo

Cerca il tuo film:




I Diabolici

HDIMDB: 8.1
Condividi
Commenta
Guarda il Trailer
Download

Voto:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
i_diabolici_1954

Michel Delassalle dirige in modo autoritario il collegio che ha fondato con i soldi della moglie Cristina. Nicole è una nuova insegnante diventa l’amante di Michel. Le due donne finiscono però per diventare alleate contro l’uomo che hanno in comune. Con uno stratagemma lo attirano in un tranello, lo uccidono e simulano un incidente nella piscina del collegio. Ma il corpo di Michel sparisce…

  • Elena

    Bellissimo! che attori magnifici, capaci di recitare ed essere sopra le righe con una semplice smorfia ! il cinema francese di quegli anni rimane superlativo soprattutto per chi ama il genere. Grazie per averlo caricato e per favore caricatene presto altri !

  • Alvarorey

    Ad un commento così superficiale e banale è necessario dare un chiarimento. A partire dagli anni cinquanta, gli italiani hanno fondato il Neorealismo con i registi: Roberto Rossellini, Luchino Visconti, Vittorio De Sica, Matteo
    Gianoli, Giuseppe De Santis, Pietro Germi, Alberto Lattuada, Renato Castellani, Luigi Zampa, Francesco Maselli, Carlo Lizzani e lo sceneggiatore Cesare Zavattini . I francesi hanno fondato la Nouvelle Vague con i registi: François Truffaut, Jean-Luc Godard, Jacques Rivette, Claude Chabrol e Éric Rohmer.
    Questi due movimenti sono stati alla base dell’evoluzione cinematografica che vediamo oggi, sono stati dei capiscuola dove tutti i registi attuali hanno attinto idee e suggerimenti, quindi hanno fondato dei nuovi generi cinematografici nel panorama mondiale. Alcuni cineasti come Jacques Demy, Jean-Pierre Melville, Alfred
    Hitchcock, Jean Rouch, Alain Resnais, Louis Malle condivideranno gli stessi valori pur con generi diversi. Henri-Georges Clouzot ha diretto I Diabolici nel 1954, dopo aver diretto fil come: Il corvo, Legittima difesa, Vite vendute, solo per citarne alcuni. La Cinémathèque Française fu una tappa fondamentale per la formazione di questi giovani cinefili era un luogo dove venivano proiettati quei “film maledetti”, che disprezzavano ogni regola, di essere “uno sgambetto al dogma”. Oggi questi registi vengono chiamati Maestri.
    Fai la proporzione della genialità di un film del 1954 e paragonalo a uno odierno, sessantadue anni dopo con tutte le tecniche evolute di oggi, quindi è vero l’esatto contrario di quello che affermi. Studia e non parlare a vanvera, non dire che film come questo fanno schifo, sono dei capolavori, purtroppocerti film come questo a volte sono sprecati.

  • Asenath

    io l’ho trovato un capolavoro. Datato comunque ma bello! Oggi mi dispiace ma non c’è niente così

ULTIMI COMMENTI